VOTA PER ME, una nuova affissione di CHEAP per il progetto di Gianluca Vassallo

 

 

CHEAP rinnova la collaborazione con il fotografo Gianluca Vassallo: dopo l’affissione di SHOOT ME, un progetto fotografico in risposta alla strage omofoba di Orlando (USA) dove il 12 giugno 49 persone sono state uccise all’interno del gay club Pulse, la nuova installazione di poster riguarda VOTA per ME, un progetto di Guerrilla Art che, attraverso le facce e le storie dei migranti, cerca di riportare al centro del dibattito pubblico la verità delle vite, la dignità degli individui, il senso profondo della convivenza, con l’intenzione dichiarata di spostare l’asse dialettico verso la complessità dei fenomeni migratori, ovvero la sede culturale in cui il discorso politico dovrebbe svolgersi.

Il progetto cerca questo risultato attraverso una pratica propria della politica, la propaganda elettorale, e lo fa per mezzo degli spazi per la pubblica affissione, disertati nella campagna elettorale in corso dai partiti di ogni orientamento, spazi che diventano, così, metafore.

Metafora del lavoro di raccolta nei campi, del lavoro operaio, delle minuterie vendute agli angoli, dell’assistenza agli anziani, metafora della fame di futuro, della capacità di rinuncia per un fine più altro, metafora della memoria dell’oppressione individuale e collettiva, del desiderio di comunità, metafora, insomma, di tutti quei luoghi di produttivi e di senso che l’Italia, mia e vostra, la stessa che urla alla crisi economica e morale, ha deciso di disertare e ai quali, i nuovi arrivati, hanno garantito continuità, spesso a condizioni salariali e umane che nessuno di noi accetterebbe per se stesso.

Un’Italia che non solo ha dimenticato la sua storia di migrazione, calpesta la costituzione, si nega la gioia della pluralità culturale ma che, assai più colpevolmente, pur schiacciando gli ultimi pretende anche di averne paura.

A Bologna, i poster sono stati affissi sulle bacheche di CHEAP nella centrale via Irnerio.

foto di Michele Lapini