Call for Artists 2017

 

Ogni anno, all’interno del festival, CHEAP apre uno spazio di partecipazione attraverso una Call for Artist, indirizzata non solo a street artist, ma anche a chi si occupa di grafica, fotografia, illustrazione ed arte visiva in generale: in risposta alla Call, CHEAP ha ricevuto lavori da artist* e paesi molto distanti tra loro, stampandoli nel formato poster e installandoli con il paste up sulle circa 250 ex tabelle affissive del circuito CHEAP On Board, nel centro storico di Bologna.

Qui potete vedere il video del lavoro collettivo che abbiamo fatto nel 2016.

Anche nel 2017, per il quinto anno consecutivo, ci auguriamo che la Call for Artist  continui a essere lo strumento attraverso il quale  indagare tematiche attuali partendo dal basso, valorizzando l’ibridazione dei linguaggi espressivi e agendo riappropriazioni collettive di spazi nei quali liberare energie creative.

CALL FOR ARTIST 2017: DISORDER, Please.

DISORDER / DISORDINE – è questo il tema della Call for Artist 2017 scelto da CHEAP per innescare un moto caotico di espressioni artistiche, creative e indipendenti con cui immaginare nuove forme e nuove declinazione di questo concetto attraverso le arti visive.

Vogliamo stimolare un’agitazione semantica, scompaginare i limiti dei linguaggi dell’arte, utilizzare lo spazio pubblico dove ogni anno CHEAP espone i contributi giunti della Call for Artist per rompere l’ordine estetico fondato sulla dicotomia bello/brutto, decoroso/vandalico, legale/illegale.

Vi chiediamo di misurare i gradi di entropia dei vostri sistemi, di violare con noi le simmetrie, di strutturare l’eccesso, di dare una forma al turbamento.

Non cerchiamo una sintesi, non ci interessano le risposte innocue: abbiamo bisogno di altri conflitti, di nuove tensioni, di sregolatezze, di contraddizioni. DISORDER, please.

Per Sapere come Partecipare e scaricare il modulo di adesione, VAI Alla Sezione CALL